perchè Fuori Misura

Anni fa ho pubblicato un libro di racconti. Si intitolava Fuori Misura.

Parlavo di corpi mostruosi, di desideri mangerecci, di solitudini morbose, di pettinatrici di morti.

Fuori misura è la vita di chi guarda al mondo con occhi traversi.

Di chi cerca di dare parole, forma, colore e suono ad un’ ossessione.

Fuori misura è la vita di chi scrive.

 

 

Dichiarazione d’amore per la Dogana di Avellino

 L’ultimo film che ho visto al cinema Umberto si intitolava Pomodori verdi fritti alla fermata del treno. Il film narrava di un’America razzista anni  trenta, di violenti uomini bianchi, di fedeli uomini neri, di due amiche coraggiose e solidali, dei loro destini che si intrecciano per una vita intera, del loro caffè Whistle Stop.Uscimmo dal cinema contente, il film era intenso, commovente, ben fatto. Mi ricordo che chiedemmo alla maschera fino a  quando sarebbe stato proiettato. Valeva la pena rivederlo.

Era il 1992. Malgrado fossero già passati 10 anni dal terremoto, Avellino era ancora tutto un puntello. Avevamo desiderio di posti dove raccoglierci, incontrarci, passeggiare. Avevamo voglia di normalità. Al centro storico si andava con difficoltà.  Troppi morti, troppi strazi, troppi crolli. Il cinema Umberto, miracolosamente intero e funzionante all’interno di quel tessuto urbano in fase di trasformazione, ci ricordava che la vita continuava sul suo binario, che si poteva ancora fare quello che normalmente si faceva prima del terremoto: entrare in un cinema, chiedere un biglietto, vedere un film, chiacchierare con un’amica, perdersi dietro visi sconosciuti, fumare una sigaretta, aspettare che tra un intervallo e un altro, il tetto mobile srotolasse sopra le nostre teste fino a mostrare il cielo. Ero grata a quella grande, antica scatola di luci, perché mi accoglieva, mi aiutava a sognare, mi proteggeva dalle rovine. Ritornavo a casa consolata.

E poi sapevo che era stata, in tempi lontanissimi e vitali, la nostra Dogana, un luogo importante, simbolico, di scambio, di pesa, di denaro, di carri, di paglie e granaglie. La maestra delle elementari, quando ci svelò che il cinema si era insediato nello spazio di quello che   era stata un casello daziario, produsse un certo stupore in classe. Non eravamo disposte a crederle. In risposta alla nostra incredulità, volle che trovassimo vecchie cartoline di Avellino, illustrazioni e qualunque altro documento. Lo scopo era farci affezionare alle ricerche storiche che lei amava tanto ma anche dimostrare che quella fabbrica era stata sempre là, da mille anni, in quello slargo circondato da bei palazzetti antichi, alle spalle della statua di Carlucciello,  che non si sarebbe mai mossa da quel luogo e che l’avremmo sempre ricordata, cinema o non cinema, nella sua verità di   monumento.

La maestra, con parole semplici, ci aveva edotto su quello che avrei studiato anni dopo ad Architettura e che   il grande Aldo Rossi definiva “permanenza del monumento” all’interno della città.

 Dopo pochi giorni della proiezione di Pomodori verdi fritti, sapemmo che un incendio aveva bruciato il cinema Umberto. Pensammo che lutto si fosse aggiunto a lutto. Ma che poi il cinema sarebbe tornato a spalancare la sua magica sala e che il tetto mobile avrebbe fatto vedere il cielo sopra le nostre teste.

Il film terminava così “…Quando il locale chiuse, il cuore della cittadina cessò di battere. E’ strano che in un locale come quello, si siano incrociati i destini di tanta gente…”.

 Non potevamo sapere quanto quelle parole si sarebbero rivelate profetiche.

avellino, 17 maggio 2010

Annunci

5 thoughts on “perchè Fuori Misura

  1. Annalisa 16/05/2010 / 19:26

    Mi ci riconosco, Emilia, in quello che scrivi a proposito di “fuori misura”. Penso anche che la vita di scrive è anche, troppo spesso, “sopra le righe”, no? E non è solo un gioco di parole.

  2. emilemil 16/05/2010 / 19:35

    Cara Annalisa, che piacere…sei la prima a commentare il mio blog! Che fatica!!!Però che soddisfazione per chi, come noi, è fuori misura! Bacio

  3. anifares 16/05/2010 / 19:48

    Cara Emilia complimenti per il tuo blog, era arrivato il momento. In bocca al lupo …

  4. consolata 16/05/2010 / 19:56

    Benvenuta nella blogosfera! vedrai che dà soddisfazione avere un blog, anche se io faccio fatica a trovare il tempo per scriverci. Ti infilo subito tra i miei segnalibri. Caio

  5. emilemil 16/05/2010 / 20:00

    Cara Anifares, come sai il blog era un desiderio che accarezzavo da parecchio tempo. Sono stata ampiamente incoraggiata…meno male…tu mi capisci bene. Un bacio

    Cara Consolata, è una prova del fuoco!Altro che divertimento, qui si consuma il cervello.Anche io proverò a segnalarti, ma non ho ancora imparato. Baci tanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...