Emily Dickinson, Poesia 850

Io canto per riempire l’attesa:

Annodarmi la cuffia,

Richiudere la porta di casa

E non altro ho da fare,

Finché risuoni vicino il suo passo,

E insieme camminiamo verso il giorno,

L’uno all’altro narrando di come cantammo

Per scacciare la tenebra.

Emily Dickinson

Annunci

3 pensieri su “Emily Dickinson, Poesia 850

  1. Stefano Spina ha detto:

    intendo: il concetto di tenebra e quello di silenzio – per quanto dissimili – fanno da linea di connessione tra queste due “scrittrici”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...