Slavko Mihalić

un passo fuori poeta

IN PRIMAVERA

 

Sono passati i tempi della matematica.
Ma l’uomo seduto sulla soglia è ancora
afflitto.
La donna gli porta un bicchiere di vino.
Invece che Dio, interroga
se stesso.

 

Il mondo è troppo grande per essere
reale.
Vediamo noi stessi nello specchio.
L’uomo si alza dalla soglia, nuovamente
ha scordato tutto.
È primavera, moglie, si va
nei campi.
Chi è nei campi sta davvero.nell’universo.
Sempre si chiede, come
misurare qualcosa.
Vola l’uomo in cielo e la donna lo
segue muta.
Il biancore batte sulle loro tempie.

 

[da «Un passo fuori Iskorak», 1987]

 

Slavko Mihalić, Un passo fuori (Iskorak), antologia a cura di Maria Lipovac-Gatti, Jaca Book, 1990

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...