Una rosa per Emily di William Faulkner.

 

campigli-massimo-1895-1971-ita-ritratto-di-susanna-zimmer-lan-1995145

Quando mori Miss Emily Grierson tutta la nostra citta andò al funerale: gli

uomini con una specie di rispettoso affetto per un monumento caduto, le donne

soprattutto per la curiosità di vedere l’interno della sua casa, che da almeno

dieci anni nessuno, tranne un vecchio domestico con mansioni di giardiniere e

di cuoco, aveva più visto.

La casa, un tempo bianca, era un blocco piuttosto massiccio in legno e muratura,

decorato con cupole e guglie e balconi ornati a volute, nello stile pesantemente

frivolo degli anni Settanta. Sorgeva nella via che una volta era stata

la più esclusiva della citta, ma rimesse e impianti per la sgranatura del cotone

avevano violato e cancellato anche i più augusti nomi del quartiere; soltanto la

casa di Miss Emily era rimasta a sbandierare la sua decadenza ostinata e civettuola

al di sopra dei carri di cotone e delle pompe di benzina: una mostruosità

fra altre mostruosità. E ora Miss Emily era andata a raggiungere i rappresentanti

di quei nomi augusti la dove riposavano, in quel cimitero assorto fra i

cedri, accanto alle file di tombe anonime dei soldati dell’Unione e della Confederazione, caduti nella battaglia di Jefferson.

Da viva, Miss Emily era stata una tradizione, un dovere e una responsabilità:

una sorta di onere ereditario toccato alla citta a partire da quel giorno del 1894

quando il colonnello Sartoris, che era il sindaco e anche l’autore di un editto secondo

il quale nessuna donna negra poteva uscire sulla strada senza grembiale,

la dispenso dal pagamento delle tasse, a partire dal giorno della morte di suo

padre e per l’eternità. Non che Miss Emily avrebbe accettato un gesto di carità:

il colonnello Sartoris inventò una storia complicata, stando alla quale il padre

di Miss Emily aveva fatto alla citta un prestito in denaro, e la citta, per ragioni

d’interesse pratico, aveva preferito questa forma di rimborso. Soltanto un uomo

della generazione e della mentalità del colonnello Sartoris avrebbe potuto inventare

una storia simile, e soltanto una donna avrebbe potuto crederci.

Quando la generazione successiva, con le sue idee più moderne, diede i suoi sindaci

e i suoi consiglieri municipali, essi accolsero mal volentieri questa disposizione.

Il primo giorno dell’anno spedirono a Miss Emily un avviso di pagamento.

Venne febbraio, e non c’era stata risposta. Allora le scrissero una lettera formale,

invitandola a presentarsi, con tutta comodità, all’ufficio dello sceriffo. Dopo una

settimana le scrisse il sindaco in persona, chiedendole di essere ricevuto a casa

oppure di poterle mandare la sua automobile, e ricevette in risposta un biglietto

di un formato antiquato, scritto con inchiostro sbiadito in una grafia sottile e

fluente, nel quale Miss Emily comunicava che non usciva più di casa per nessun

motivo. Al biglietto era accluso, senza alcun commento, l’avviso di pagamento.

Fu convocata una riunione straordinaria del Consiglio municipale. Una delegazione

si presento a casa di Miss Emily e busso alla porta che nessun visitatore

aveva più varcato da quando, nove o dieci anni prima, lei aveva smesso di dare

lezioni di pittura su porcellana.

Il vecchio negro fece entrare i delegati in un ingresso buio dal quale una scala

saliva verso un’oscurità ancora più fitta. C’era odore di polvere e di abbandono:

un odore umido e stantio. Il negro li guido nel salotto, arredato con pesanti

mobili rivestiti di cuoio. Quando il negro apri le imposte di una finestra, videro

che il cuoio era tutto screpolato; e quando si sedettero, attorno alle loro cosce

si levo pigramente una sottile nube di polvere, le cui particole vorticavano

nell’unico raggio di sole. Su un cavalletto dalla doratura annerita, davanti al

camino, era posato un ritratto a pastello del padre di Miss Emily.

Quando lei arrivo si alzarono in piedi: una donna piccola e grassa vestita di

nero, al collo una sottile catena d’oro che le scendeva fino alla vita e spariva

nella cintura, appoggiata a un bastone d’ebano con il pomo d’oro annerito. Era

di ossatura piccola e sottile; forse per questo ciò che in un’altra donna sarebbe

stata solo abbondanza in lei era obesità. Sembrava gonfia, come un cadavere

rimasto a lungo nell’acqua stagnante, e ne aveva lo stesso colorito terreo. Gli

occhi, che si muovevano da un visitatore all’altro mentre questi esponevano lo

scopo della loro venuta, erano perduti nei rilievi grassi del viso, e sembravano

due carboni piantati in una pagnotta cruda.

Non li invito a sedersi; rimase in piedi sulla porta e ascolto in silenzio, fino a

quando il portavoce termino il suo zoppicante discorso. Allora udirono il ticchettio

dell’orologio invisibile appeso alla catena d’oro.

La sua voce era secca e fredda. – Io non ho tasse da pagare qui a Jefferson. Me

 lo ha spiegato il colonnello Sartoris. Forse qualcuno di voi potrà accedere ai

registri della citta e sincerarsene di persona.

– Ma lo abbiamo gia fatto. Siamo noi le autorità cittadine, Miss Emily. Lei non

ha forse ricevuto un avviso dallo sceriffo, firmato da lui?

– Mi e arrivata una carta, si – disse Miss Emily. – Forse lui si considera lo sceriffo…

Io non ho tasse da pagare a Jefferson.

– Ma lei comprenderà, non c’e nulla nei libri che lo dimostri. Noi dobbiamo

attenerci ai…

– Chiedete al colonnello Sartoris. Io non ho tasse da pagare a Jefferson.

– Ma, Miss Emily…

– Chiedete al colonnello Sartoris –. (Il colonnello Sartoris era morto da quasi

dieci anni).

– Io non ho tasse da pagare a Jefferson. Tobe! –. Ricomparve il negro.

– Accompagna i signori alla porta.

 E in tal modo li sconfisse su tutta la linea, cosi come trent’anni prima aveva

sconfitto i loro padri sulla questione del cattivo odore. La cosa era accaduta

due anni dopo la morte di suo padre, e poco tempo dopo che il suo innamorato

– quello che credevamo l’avrebbe sposata – l’aveva abbandonata. Gia dopo

la morte del padre usciva pochissimo; quando l’innamorato scomparve nessuno

la vide quasi più.

Qualcuna delle signore andò temerariamente a farle visita, ma non venne ricevuta,

e l’unico segno di vita della casa era il negro, allora un giovanotto, che

entrava e usciva col cesto della spesa.

– Figuriamoci se un uomo – chiunque sia – può tenere una cucina come si

deve – dicevano le signore; che quindi non furono sorprese quando si comincio

a sentire il cattivo odore. Era un nesso in più fra il mondo volgare e brulicante

di fuori e i grandi e potenti Grierson.

Una vicina si lamento col sindaco, l’ottantenne giudice Stevens.

– Ma cosa vorrebbe che facessi, signora? – le domandò il sindaco.

– Forse mandarle a dire di farlo cessare – rispose la donna. – Non c’e forse una

legge?

– Sono certo che non sarà necessario – disse il giudice Stevens. – Sara solo un

serpente o un topo che quel suo negro ha ammazzato in cortile. Ne parlero con lui.

Il giorno dopo il sindaco ricevette altre due lagnanze, una delle quali da parte

di un uomo che espresse timidamente il suo biasimo.

– Giudice, dobbiamo sul serio fare qualcosa. Non vorrei per nulla al mondo

infastidire Miss Emily, ma dobbiamo davvero fare qualcosa.

Quella stessa sera si riunì il Consiglio municipale: tre barbe ormai grigie e un

uomo più giovane, membro della generazione emergente.

– E semplice – disse il più giovane. – Le si manda a dire di far pulire la casa.

Le si assegna un termine, e se non lo rispetta…

– Santi numi, signore! – disse il giudice Stevens. – Lei accuserebbe apertamente

una signora di emanare cattivi odori?

E cosi avvenne che la notte successiva, dopo mezzanotte, quattro uomini attraversarono il prato di Miss Emily e si aggirarono furtivi come ladri tutt’intorno

alla casa, annusando lungo lo zoccolo di mattoni e dalle aperture della cantina,

mentre uno di essi prendeva qualcosa dal sacco che portava in spalla per

poi eseguire il gesto ritmico del seminatore. Forzarono la porta della cantina

e la cosparsero di calce; fecero lo stesso in tutti i fabbricati esterni della casa.

Mentre riattraversavano il prato, si illumino una finestra che sino ad allora era

rimasta buia. Seduta a quella finestra c’era Miss Emily, la luce alle spalle, il

busto eretto e immobile come quello di un idolo. Gli uomini riattraversarono

silenziosamente il prato dileguandosi nell’ombra delle robinie1 che fiancheggiavano

la strada. Dopo un paio di settimane il cattivo odore era scomparso.

Fu allora che tutti cominciarono a provare pieta per lei. La gente della nostra

citta, ricordando come la sua prozia, la vecchia Wyatt, avesse finito per diventare

completamente pazza, riteneva che i Grierson si dessero un po’ troppe

arie rispetto a quel che erano in realtà. Nessuno dei giovanotti della citta era

mai andato abbastanza bene per Miss Emily e per la sua famiglia. Da tempo

pensavamo a loro come a un quadro: sullo sfondo l’esile figura di Miss Emily

vestita di bianco, e in primo piano, a gambe larghe, la silhouette di suo padre

che le dava le spalle, col frustino in pugno, entrambi nella cornice della

porta di casa spalancata. Cosi, quando improvvisamente Miss Emily arrivo

ai trent’anni ancora nubile, ci sentimmo se non proprio compiaciuti, almeno

vendicati: pur con la pazzia che c’era in famiglia, lei non avrebbe rifiutato tutte

le possibilità, se si fossero davvero concretate. Quando suo padre mori, si

venne a sapere che le era rimasta soltanto la casa; e in un certo senso la gente

ne fu contenta. Finalmente si poteva compiangere Miss Emily. Rimasta sola e

povera, era diventata umana. Ora anche lei avrebbe conosciuto come tutti il

brivido e la disperazione che può dare un penny in più o in meno.

Il giorno seguente alla morte del padre tutte le signore si prepararono, secondo

le nostre usanze, a portare le loro condoglianze e il loro aiuto. Miss Emily le

ricevette sulla porta, vestita normalmente e senza traccia di dolore sul volto.

Disse loro che suo padre non era morto. Si comporto in questo modo per tre

giorni, mentre medici e pastori cercavano di persuaderla a lasciar portare via

la salma. Crollo proprio quando erano in procinto di ricorrere alla legge e alla

forza pubblica, e la sepoltura ebbe luogo speditamente.

Quella volta non dicemmo che era pazza. Eravamo convinti che aveva dovuto

comportarsi cosi. Ci ricordavamo di tutti i giovanotti che suo padre aveva messo

alla porta, e sapevamo che, orbata  di tutto, avrebbe dovuto aggrapparsi,

come accade, a colui che l’aveva defraudata.

Stette male a lungo. Quando la rivedemmo aveva i capelli corti, che la facevano

sembrare una ragazzina, e una vaga somiglianza con quegli angeli che si

vedono nelle vetrate delle chiese, tragici e sereni.

La citta aveva appena concluso i contratti per la pavimentazione dei marciapiedi,

e l’estate seguente alla morte di suo padre cominciarono i lavori. L’impresa

incaricata arrivo con operai negri, muli e macchinari, e un caposquadra

yankee di nome Homer Barron: un omaccione dinamico, dalla carnagione scura,

con una voce tonante e gli occhi più chiari del viso. I ragazzini lo seguivano

a frotte per sentirlo insultare i negri, e per sentire i negri che cantavano a tempo

col levarsi e l’abbattersi dei picconi. Dopo non molto lo yankee conosceva

gia tutti in citta. Ogni volta che si sentivano grandi risate venire da un punto

qualsiasi della piazza, al centro del gruppo c’era Homer Barron. E presto cominciammo

a vedere lui e Miss Emily, la domenica pomeriggio, sul calesse

dalle ruote gialle tirato da una coppia di bai noleggiati alla vicina scuderia.

Sulle prime fummo contenti che Miss Emily provasse interesse per qualcuno,

perchè le signore dicevano a una voce: – Naturalmente una Grierson non può

pensare seriamente a un uomo del Nord, un manovale –. Ma anche altri, persone

anziane, dicevano che neppure un grande dolore può far dimenticare il

noblesse oblige1 a una vera signora; pero senza chiamarlo noblesse oblige. E

aggiungevano: – Povera Emily, i suoi parenti dovrebbero venire a trovarla –.

Ne aveva alcuni in Alabama; ma anni prima suo padre aveva litigato con loro

per le proprietà della vecchia Wyatt, la pazza, e i rapporti fra le due famiglie

erano cessati. Non avevano nemmeno mandato qualcuno al funerale.

E non appena i più anziani presero a dire – Povera Emily –, cominciarono i

mormorii. – Credi proprio che le cose stiano cosi? – si chiedevano a vicenda.

– Certo che stanno cosi. Cos’altro potrebbe… –. Tutto questo con la mano

davanti alla bocca, e con un fruscio di seta e raso che si tendevano sui colli

dietro le persiane chiuse contro il sole del pomeriggio domenicale, mentre

passava il leggero, rapido clop-clop dei due cavalli appaiati. – Povera Emily!

Lei continuava a tenere la testa alta, anche quando ormai noi eravamo convinti

che si fosse arresa al peccato. Era come se esigesse, ora più che mai, il

riconoscimento della sua dignità come l’ultima dei Grierson; o come se ci fosse

voluto proprio quel tocco di sordidezza per riaffermare la sua inattaccabilità.

Come quando compro il veleno per topi, l’arsenico. Questo accadde più di

un anno dopo che si era cominciato a dire “Povera Emily”, e mentre erano in

visita da lei due sue cugine.

– Voglio del veleno – disse al farmacista. Aveva allora più di trent’anni, era

ancora sottile e forse anche un po’ più magra del solito, coi freddi, altezzosi

occhi neri su un viso con la pelle tirata sulle tempie e intorno alle orbite, il

viso che uno si immagina debba avere il guardiano di un faro. – Voglio del

veleno – disse.

– Certo, Miss Emily. Di che tipo? Per topi o simili? Io le consiglierei…

– Voglio il migliore che c’e. Non m’importa di che tipo.

Il farmacista gliene elenco diversi. – Questi uccidono anche un elefante. Ma

quello che serve a lei e…

– L’arsenico, – disse Miss Emily – e forte l’arsenico?

– Se… l’arsenico? Certo, signorina. Ma quello che serve a lei…

– Voglio dell’arsenico.

Il farmacista la fisso per un attimo in silenzio. Lei, eretta, il viso come una

bandiera tesa al vento, sostenne il suo sguardo. – Benissimo – disse il farmacista.

– Come vuole. Ma la legge richiede che lei dichiari quale uso intende farne.

Miss Emily si limito a fissarlo, col capo inclinato all’indietro per guardarlo meglio

negli occhi, finche il farmacista non distolse lo sguardo, e andò a cercare

l’arsenico e a preparare il pacchetto. Fu il commesso a portarglielo, il ragazzo

negro incaricato delle consegne; il farmacista non ricomparve. Quando, giunta

a casa, Miss Emily apri il pacchetto, sulla scatola, sotto il teschio e i due ossi in

croce, c’era la scritta: – Per topi.

E cosi il giorno dopo tutti dicemmo: “Vuole uccidersi”; aggiungendo che sarebbe

stata la cosa migliore. Quando aveva cominciato a farsi vedere con Homer

Barron avevamo detto: “Lo sposerà”, e poco dopo dicemmo: “Lo convincerà”.

Infatti un giorno Homer (al quale piacevano gli uomini, e si sapeva che

era solito bere con i più giovani allo Elks’ Club) aveva affermato che lui non

era tipo da sposarsi. In seguito cominciammo a dire “Povera Emily” dietro le

persiane, guardandoli passare la domenica pomeriggio nel calesse sfolgorante,

Miss Emily a testa alta e Homer Barron col cappello sulle ventitrè e il sigaro

fra i denti, redini e frusta in un guanto giallo.

Poi alcune signore cominciarono a osservare che era un disonore per la citta e

un cattivo esempio per i giovani. Gli uomini non volevano intervenire, ma alla

fine le signore costrinsero il pastore battista (la famiglia di Emily apparteneva

alla Chiesa episcopale) a farle una visita a casa. Il pastore non divulgo mai

che cosa accadde durante quel colloquio; ma si rifiuto di tornare una seconda

volta. La domenica seguente il calesse passo di nuovo per le strade, e il giorno

dopo la moglie del pastore scrisse ai parenti in Alabama. E cosi Miss Emily

ebbe di nuovo, sotto il proprio tetto, gente di famiglia, gente del suo sangue; e

tutti noi ci mettemmo in attesa degli eventi.

Sulle prime non accadde nulla. Poi avemmo la certezza che si sarebbero sposati.

Apprendemmo che Miss Emily era stata dal gioielliere e aveva ordinato

un servizio da toeletta da uomo in argento, con le lettere H.B. incise su ogni

pezzo. Due giorni dopo si seppe che aveva comprato un corredo completo di

abiti maschili, compresa una camicia da notte, e, dicemmo: “Si sono sposati”.

Eravamo molto contenti. Eravamo contenti perché le due cugine erano delle

Grierson molto più di quanto lo fosse mai stata Miss Emily.

Dunque non rimanemmo sorpresi quando Homer Barron parti (i lavori stradali

erano finiti già da qualche tempo). Eravamo un po’ delusi che non ci fosse

stata una bella scenata, ma pensavamo che Barron fosse andato avanti per preparare

l’arrivo di Miss Emily, oppure che si fosse allontanato per darle modo di

sbarazzarsi delle cugine. (A questo punto era in atto un vero complotto, e tutti

noi eravamo alleati di Miss Emily e decisi ad aiutarla a giocare d’astuzia con

le cugine). E infatti, dopo un’altra settimana se ne andarono; e proprio come

avevamo previsto fin da principio, nel giro di tre giorni Homer Barron torno

in citta. Una sera, al crepuscolo, una vicina vide il negro che lo faceva entrare

dalla porta della cucina. E quella fu l’ultima volta che vedemmo Homer Barron

e, per qualche tempo, anche Miss Emily.

Il negro andava e veniva col cesto della spesa, ma la porta principale restava

chiusa. Di tanto in tanto qualcuno vedeva Miss Emily per un momento alla

finestra, come quella notte che gli uomini spruzzarono la calce. Ma per quasi

sei mesi non si fece vedere neppure una volta per strada. Allora capimmo che

anche questo era da aspettarsi; come se quella terribile qualità di suo padre,

che tante volte aveva contrastato la sua vita di donna, fosse stata troppo virulenta

e troppo furiosa per spegnersi.

Quando infine rivedemmo Miss Emily, la trovammo ingrassata e coi capelli

brizzolati. Nel corso di pochi anni si fecero sempre più grigi, finche raggiunsero

un color ferro uniforme, e cosi rimasero. Il giorno della sua morte, a settantaquattro

anni, erano ancora di quel vigoroso color grigio ferro, come i capelli

di un uomo ancora attivo.

Da allora la porta principale rimase chiusa, salvo un periodo di sei o sette anni,

quando Miss Emily era sulla quarantina, durante il quale prese a dare lezioni di

pittura su porcellana. Si era attrezzata uno studio in una delle stanze al pianterreno,

dove le figlie e le nipoti dei cittadini coevi del colonnello Sartoris si

recavano con la stessa regolarità e lo stesso spirito con il quale venivano mandate

in chiesa la domenica, con una monetina da venticinque centesimi per il

vassoio delle offerte. Nel frattempo Miss Emily era stata di nuovo dispensata

dal pagamento delle tasse.

Poi un’altra, più nuova generazione divenne lo spirito e la spina dorsale della

citta, le allieve del corso di pittura diventarono adulte, smisero di andare a

lezione e non le mandarono le loro figlie con le cassette di colori e i noiosi pennelli

e le figure ritagliate dalle riviste femminili. La porta si chiuse sull’ultima

allieva e rimase chiusa per sempre. Quando in citta fu istituita la distribuzione

gratuita della posta, Miss Emily fu la sola a non dare il permesso di inchiodare

sulla porta il numero di metallo e applicarvi una cassetta postale. Non volle

nemmeno ascoltarli.

Giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno vedemmo il negro, sempre

più grigio e sempre più curvo, andare e venire col cesto della spesa. Ogni

anno a dicembre le spedivamo l’avviso di pagamento, che una settimana dopo

l’ufficio postale ci rimandava perché nessuno l’aveva ritirato. Di tanto in tanto

la vedevamo a una delle finestre del pianterreno – aveva evidentemente chiuso il

piano superiore della casa –, simile al busto scolpito di un idolo in una nicchia,

che ci guardava oppure non ci guardava, era impossibile dirlo. Cosi passo da

una generazione all’altra, amabile, ineluttabile, impervia, tranquilla e perversa.

E cosi mori. Si ammalo in quella casa piena di polvere e di ombre, e solo un tremulo

negro a prendersi cura di lei. Noi non sapevamo neppure che fosse malata;

da tempo avevamo rinunciato a chiedere notizie al negro. Questi non parlava con

nessuno, probabilmente nemmeno con lei, perché la voce gli si era fatta aspra

e rugginosa, come se non la usasse mai. Miss Emily mori in una delle stanze al

pianterreno, in un pesante letto di noce con baldacchino, la testa grigia sostenuta

Il negro ricevette sulla porta la prima delle signore e le fece entrare tutte, con

le loro voci sommesse e sibilanti e le rapide occhiate curiose, e quindi scomparve.

Attraverso la casa, usci dal retro e non lo si vide mai più.

Le due cugine arrivarono subito, e il secondo giorno presiedettero al funerale.

Tutta la citta era venuta a vedere Miss Emily ricoperta da una massa di fiori

comprati, col viso a pastello di suo padre in profonda meditazione sopra il

feretro, e fra i macabri sibili delle signore; e sotto il portico e sul prato uomini

vecchissimi, alcuni con indosso le uniformi da Confederati ben spazzolate,

che parlavano di Miss Emily come fosse stata una loro coetanea, convinti di

aver danzato con lei e forse di averla corteggiata, facendo confusione fra il

tempo e la sua progressione matematica, come fanno i vecchi, per i quali tutto

il passato non e una strada che si va assottigliando, bensì un prato immenso

che l’inverno lascia intatto, separato da loro dallo stretto collo di bottiglia del

decennio più recente.

Noi sapevamo già che in quella zona al piano di sopra c’era una stanza che

nessuno da quarant’anni aveva più visto e che sarebbe stato necessario forzare.

Aspettarono ad aprirla fino a quando Miss Emily non fu decorosamente sotto

terra.

La violenza che ci volle per abbattere la porta sembro riempire la stanza di

una fittissima polvere. Uno strato acre e sottile, quasi un drappo funebre su

una tomba, pareva stendersi ovunque in quella stanza, arredata e adorna come

una camera nuziale: sulle tende di damasco, di un rosa sbiadito, sulle lampade

dai paralumi rosati, sul tavolino da toeletta, sui delicati oggetti di cristallo e

su quelli per la toeletta maschile col dorso d’argento annerito, tanto annerito

che il monogramma non si vedeva quasi più. Tra questi oggetti erano posati un

colletto e una cravatta, come se qualcuno se li fosse appena tolti; quando vennero

sollevati lasciarono sulla superficie una pallida mezzaluna nella polvere.

Su una sedia c’era il vestito, accuratamente piegato; sotto, le due scarpe mute

e le calze abbandonate a terra.

L’uomo era a letto. A lungo restammo a contemplare quel profondo ghigno privo di carne. L’uomo era a letto.

A lungo restammo a contemplare quel profondo ghigno privo di carne. Appa-

rentemente il corpo giaceva, un tempo, nel gesto di un abbraccio, ma adesso il

lungo sonno che sopravvive all’amore, e che sconfigge anche la beffarda finzione

dell’amore, l’aveva tradito. Quel che rimaneva di lui, decomposto sotto ciò

che rimaneva della camicia da notte, era ormai inestricabile dal letto; e su di lui

e sul cuscino accanto si era posato quello strato uniforme di polvere paziente

e duratura. Notammo allora che sul secondo cuscino c’era l’impronta di una

testa. Uno di noi ne prese qualcosa, e chinandoci, con quell’invisibile polvere

secca, acre e fievole nelle narici, scorgemmo una lunga ciocca di capelli color

grigio ferro.

 

 

 

Annunci

One thought on “Una rosa per Emily di William Faulkner.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...